Galati-Part-9-Slide-720x405.jpg

Questa domenica a Nuova Vita, ricominciamo l'incontro domenicale nel pomeriggio, alle 16:30 al King's Cross Irish Pub.

Continuiamo il nostro studio della lettera ai Galati, vedendo che significa essere stati conosciuti da Dio, e come ci cambia la vita quotidiana quando viviamo secondo questa verità.

Se volete, ci incontriamo anche un po prima per prendere un aperitivo insieme, alle 16:15. 


Galati 4:8-20

In quel tempo, è vero, non avendo conoscenza di Dio, avete servito quelli che per natura non sono dèi;

ma ora che avete conosciuto Dio, o piuttosto che siete stati conosciuti da Dio, come mai vi rivolgete di nuovo ai deboli e poveri elementi, di cui volete rendervi schiavi di nuovo? 

10 Voi osservate giorni, mesi, stagioni e anni! 

11 Io temo di essermi affaticato invano per voi.

12 Siate come sono io, fratelli, ve ne prego, perché anch’io sono come voi.

13 Voi non mi faceste torto alcuno; anzi sapete bene che fu a motivo di una malattia che vi evangelizzai la prima volta; 

14 e quella che nella mia carne era per voi una prova, non la disprezzaste né vi fece ribrezzo; al contrario mi accoglieste come un angelo di Dio, come Cristo Gesù stesso.

15 Dove sono dunque le vostre manifestazioni di gioia? Poiché vi rendo testimonianza che, se fosse stato possibile, vi sareste cavati gli occhi e me li avreste dati.

16 Sono dunque diventato vostro nemico dicendovi la verità?

17 Costoro sono zelanti per voi, ma non per fini onesti; anzi vogliono staccarvi da noi affinché il vostro zelo si volga a loro.

18 Ora è una buona cosa essere in ogni tempo oggetto dello zelo altrui nel bene, e non solo quando sono presente tra di voi.

19 Figli[e] miei, per i quali sono di nuovo in doglie finché Cristo sia formato in voi,

20 oh, come vorrei essere ora presente tra di voi e cambiar tono, perché sono perplesso a vostro riguardo!